Potnia Theron, Signora degli animali: la visione arcaica del femminile

Potnia Theròn (termine che deriva dal greco Ἡ Πότνια Θηρῶν, ovvero Signora degli animali) è un epiteto adottato per...

Agnano e il lago scomparso

Attorno alla città di Napoli si articola un immenso campo vulcanico, ricco di crateri e di rilievi dalle forme...

Regalità e rinnovamento ciclico: il cervo

Nel simbolismo del cervo sono presenti numerose interpretazioni; alcune di esse si collegano all’espressione della regalità, altre al rinnovamento...

Filati dal mare

Matrepperna, nacchera, cozza pinna o semplicemente perna sono i nomi attribuiti alla Pinna nobilis (Linneo, 1758), il bivalve più...

Il cratere verde

All’interno dell’area vulcanica dei Campi Flegrei si profila il cratere degli Astroni, che con i suoi 247 ettari rappresenta...
Culti
Potnia Theron, Signora degli animali: la visione arcaica del femminile
Luoghi
Agnano e il lago scomparso
Monografie
Regalità e rinnovamento ciclico: il cervo
Materiali
Filati dal mare
Luoghi
Il cratere verde
Biografia degli uomini illustri del regno di Napoli... volume ch
Biografie

Tommaso Campanella e l’eresia sensuale della natura

Di Tommaso Campanella si è tanto narrato: si è detto che questo visionario frate domenicano fosse demente e che la sua più importante opera, La Città del Sole, fosse una fantasticheria, ripresa dalle idee di Platone e dalla sua Politeia...

Leggi
Frase del giorno

«'A vorpa quanno galline e quanno scarrafune»

la volpe è cosí opportunista da poter mangiare di tutto

[Amalfi Tradizioni ed usi [...] p. 111]

Potnia Theron, statuetta proveniente da Cnosso.
Culti

Potnia Theron, Signora degli animali: la visione arcaica del femminile

Potnia Theròn (termine che deriva dal greco Ἡ Πότνια Θηρῶν, ovvero Signora degli animali) è un epiteto adottato per la prima volta da Omero («[…] Signora delle belve, Artemide selvaggia […] Iliade, libro XXI, v. 470) per descrivere una caratteristica di Artemide e successivamente impiegato per definire molte divinità femminili legate agli animali sui quali esse erano in grado di esercitare il loro potere.Continua a leggere

L0038338 The lake of Agnano. Etching, 16--.
Credit: Wellcome Library, London. Wellcome Images
images@wellcome.ac.uk
http://wellcomeimages.org
Etching of Lake Agnano, near Naples. The Grotta del Cane is in the centre and the steam bath of San Germano is on the right. Three men take a dog into the grotto to demonstrate the experiment in which noxious gases emitted from it cause asphyxiation of the dog. On the left, two local men suspend an asphyxiated dog in the lake in order to revive it: two tourists attend the experiment.
Etching
16uu Published: [16--]
Printed: 1600-1700

Copyrighted work available under Creative Commons Attribution only licence CC BY 4.0 http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/
Luoghi

Agnano e il lago scomparso

Attorno alla città di Napoli si articola un immenso campo vulcanico, ricco di crateri e di rilievi dalle forme coniche, paralleli alla linea di costa, che fanno dunque da ripartitore naturale delle acque meteoriche sul territorio. La Conca di Agnano è uno di questi crateri, situato tra quello degli Astroni e la Solfatara, e appartenente al sistema dei Campi Flegrei. Continua a leggere

Pinna nobilis juv
Materiali

Filati dal mare

Matrepperna, nacchera, cozza pinna o semplicemente perna sono i nomi attribuiti alla Pinna nobilis (Linneo, 1758), il bivalve più grande del Mediterraneo: può raggiungere infatti fino a un metro di lunghezza. Continua a leggere

Astroni - Rizzi Zannoni - Giovanni Anto - No 14 Napoli, Ischia, Procida - 1794
Luoghi

Il cratere verde

All’interno dell’area vulcanica dei Campi Flegrei si profila il cratere degli Astroni, che con i suoi 247 ettari rappresenta uno dei polmoni verdi della provincia di Napoli, oggi Riserva Naturale gestita dal WWF.Continua a leggere

Axolotl (Ambystoma mexicanum) e salamandra tigre (Ambystoma tigrinum), illustration from Soviet encyclopedia, 1926.
Luoghi

Un messicano a Napoli

Oggigiorno l’introduzione di specie aliene è uno degli argomenti più “caldi” e fervidamente dibattuti in ambito biologico. Appare infatti immediato, senza prendere posizione in merito, constatare come l’immissione di un organismo esotico possa comportare squilibri a volte sostanziali della flora e della fauna autoctone.Continua a leggere